Seguici su Facebook

INIZIO IN SALITA PER LE CUSSINE

Esordio di campionato negativo per le ragazze del CUS Siena, neopromosse in B2, che sabato 17, al PalaCorsoni, perdono senza troppe attenuanti per 3-0 (22-25, 18-25, 22-25) contro la Blu Volley Quarrata PT. Nella squadra senese è confermato al completo l’organico dell’anno passato, Bandini, Mazzini, Pasqualini, Guerrini, Giardi, Angiolini, Costagli e il libero Chelattini. Sono arrivate Caterina Cencini, centrale, dalla Chimera 88 di Arezzo, e Alice Leni (hanno esordito entrambe non demeritando, Cencini, entrata nel terzo set al posto di Livia Mazzini ha anche piazzato due aces in battuta). Di fronte si sono trovate subito un cliente estremamente scomodo, la Blu Volley Quarrata ha infatti terminato la scorsa stagione al terzo posto in classifica. E infatti la differenza di categoria è balzata subito agli occhi. Non perché le cussine abbiano giocato male, anzi, hanno attaccato, hanno difeso, hanno murato (7 muri punto, più o meno sugli standard dell’anno scorso), però hanno commesso troppi errori, non dando mai l’impressione di potercela fare veramente, anche se per buona parte dei set sono rimaste alle calcagna delle avversarie. Le differenze più evidenti, in questo passaggio di categoria, sono la velocità di esecuzione e la capacità di variare il gioco. Il CUS ha attaccato discretamente, soprattutto con Costagli e con Bandini al centro, però l’azione è apparsa spesso un po’ scontata, le palle lente e staccate da rete, che hanno permesso al muro avversario di toccare quasi sempre. Dall’altra parte la Blu Volley si è dimostrata squadra di buon livello, mobilissima in difesa, incisiva in battuta (la battuta, nella pallavolo moderna, è diventato il primo fondamentale dell’attacco), con una regista brava a variare il gioco e con un’attaccante di posto 4 che in alcune fasi dell’incontro ha fatto davvero la differenza. Potremmo dire che, per tentare di limitare i danni nel corso della stagione, le cose da migliorare, a modesto parere di chi scrive, sono essenzialmente due: più velocità di gioco, e soprattutto limitare gli errori, il che vuol dire maggiore concentrazione. Ma sarà un campionato lungo e faticosissimo, su questo non c’è dubbio.

Francesco Monciatti

Lunedì 4 Marzo 2024

Abbiamo 12 visitatori e nessun utente online